Quasi Gol

di Gugliemo Tell

La mia grossa  preoccupazione è prendere un gol in meno dell’avversario [V. Boskov]

Non possiamo non dirci che la Merkel non ha vinto. Non abbiamo paura di andare contro corrente, di respingere le affrettate acclamazioni che giungono da destra, da sinistra e da centrocampo.

Angela_Merkel_handsÈ che non non crediamo nel quasi gol.

Il quasi gol, categoria di pensiero utile solo a impepare un pochino le noiose telecronache con cui i commentatori post-veltroniani trascinano fino ad un sonnolento 90° partite altrimenti godibili, non ha spazio nella nostra visione Boskoviana del calcio e della politica. La partita va vinta, e la vittoria è un fatto concreto, sancita dai fischi dell’arbitro, dalle relazioni ufficiali, dalla classifica del giorno dopo.
Parlino pure i Panebianco coi loro pagelloni del lunedì; spargano fiumi di inchiostro i giornali nostrani per distinguere il trionfo di una Merkel che senza maggioranza assoluta dovrà allearsi cogli avversari dal disastro di un Bersani che senza maggioranza si è dovuto alleare cogli avversari.
Ma noi restiamo dell’idea che la performance plastica e il bel gioco siano sempre secondi alla concretezza dei 3 punti.

E così guardiamo i nudi numeri, croce e delizia d’ogni appassionato di calcio e politica. La Merkel ha sfondato, ha creato più gioco di Zeman a metà novembre, più occasioni da gol di Marco Del Vecchio (ve lo ricordate Del Vecchio?) , ma alla fine che stringe?
Il mirabolante primato del 41,5% è arrivato al prezzo della scomparsa degli alleati liberali, ingurgitati a gran bocconi e espulsi sotto la soglia di sbarramento (ve lo ricordate Veltroni?). Un partito da 90 seggi, un’intera cultura politica antica come lo stato tedesco, svanisce col pfff di un supersantos bucato da un roveto di Villa Ada.

Continuando con le cifre, l’aumento percentuale di seggi della CDU/CSU (circa +31,2% sul Bundestag precedente) è identico se non appena più basso di quello dei socialdemocratici (+32,5%), col risultato che il centrodestra, scomparso l’FDP, perde in totale il 19 seggi, mentre il blocco SPD+Verdi ne guadagna 41. Se aggiungiamo la Linke, in leggera flessione, il totale della sinistra è di +30.
Per capire i risultati, bisogna notare che il totale dei seggi è aumentato di 10 unità, per complicate ragioni costituzionali che non esploreremo qua.

Certo la Merkel con 5 seggi in più avrebbe la maggioranza assoluta. Quasi gol.
Anzi, forse, è come farne 4 scoprendosi abbastanza per prendere 3. All’andata. Di coppa. Bello. Applausi. Al ritorno scenderai in campo colle carte migliori in mano, ma sempre dovrai allearti coll’avversario come un PD qualsiasi.

La stagione sarà dunque in salita per tutti, per la Cancelliera che dovrà adattarsi e abbozzare alla ricerca di un nuovo equilibrio, e per i Socialdemocratici che dovranno dimostrare di poter efficacemente influenzare le scelte politiche di Berlino, magari senza uscire dalla grande coalizione colle ossa rotte come otto anni fa.

Due amare considerazioni politiche per finire. La prima è che, ancora, non sembra esserci lo spazio per un’alleanza socialdemocratici e sinistra post-comunista, i quali evidentemente non saprebbero che farsene di un governo in comune. Non è un problema solo tedesco: oltre ad affliggere anche l’Italia, l’assenza di una prospettiva politica progressista di largo respiro continua ad azzoppare la sinistra di tutto il mondo, dall’Australia alla Norvegia.

La seconda è che per essere stata costretta ad un’alleanza coi Socialdemocratici, la Merkel viene osannata da giorni, per essere stato costretto ad un’alleanza col PdL, Bersani viene insultato da mesi. Come dire, un Berlusconi di differenza.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...