“Il calcio senza birra è come il calcio senza birra”.

Pezzo cassa

di Veleno.

Perchè in fondo lo sappiamo tutti. Una delle componenti fondamentali del Calcio, è la Birra. Alzi la mano chi non è mai entrato nel suo Bar “di fiducia” chiedendo al barista:”Mi fai una media??”, per poi andare a sedersi davanti al televisore per guardarsi la partita, campionato o Champions, non fa differenza. La “Partita in Bar” può essere di diversi tipi. Ci sono i bar “tifosi”, che seguono una squadra in particolare, mentre ci sono i bar “all around”, che trasmettono “Diretta Gol” per accontentare un po’ i gusti di tutti. Ecco, è proprio in questa situazione che si creano le situazioni più belle. La platea, ovviamente, è formata da tifosi e simpatizzanti di squadre diverse, concentrati e tesi quando il collegamento passa alla “loro” partita, e altrettanto “cazzoni” nel resto del tempo. Sfottò, commenti a caso, sono all’ordine del giorno. Le cose che accomunano tutte le persone presenti in sala sono due: l’amore per il calcio e la Birra, appunto.
Un altro caso emblematico è la partita a casa con gli amici, spesso un gruppo fidato, scelto attraverso la dura legge della cabala. “Chi porta le birre???” “Io in casa ne ho poche, passate a prenderne” “Io ordino la pizza, per le 20:00, mi raccomando. Così quando inizia il match siamo pronti”, e così via. La scelta delle birre non è da tralasciare. Solitamente si tende ad andare sul low cost sicuro, Birra Moretti da 66 come se piovesse. Spesso ci sono anche i più taccagni, che si presentano con una sportina di Dana Brau, prese al discount sotto casa. Poco male, non si butta via niente. Succede raramente che ci siano Birre ricercate (Belghe, ad esempio), a meno che il padrone di casa non sia un “Birrofilo” d’eccezione, quindi tutto è possibile. Quasi sempre si tende a preferire la quantità alla qualità. Si sa, 90 minuti + recupero sono lunghi. Se poi si tratta di una “gara secca”, mezz’ora di supplementari, più eventuali rigori, non possono assolutamente essere seguiti in un clima, come dire, disidratato.
L’ultimo esempio di calcio e birra è quello che potremmo definire “Live”, la partita allo stadio. Da un po’ di anni, negli stadi italiani, è presente il divieto di servire bevande alcoliche. E’ inutile dire che questo è sicuramente un duro colpo al rapporto Birra/Pallone. In alcuni stadi, si è provato ad ovviare al problema con una soluzione che probabilmente non ha fatto altro che aggravare la situazione: la birra analcolica. Seguire una partita di calcio bevendo birra analcolica è come…seguire una partita di calcio bevendo birra analcolica! Non mi viene in mente nulla di peggiore!!!
La soluzione che tanti tifosi, frequentatori degli stadi, hanno adottato, è quella di farsi due o tre medie prima dell’inizio del match, nei bar presenti nella zona dello stadio. Un modo decisamente furbo di idratarsi a dovere, che rischia però, se non si fa attenzione, di obnubilare le capacità sensoriali del tifoso, che rischia di vedersi costretto a seguire la partita, come dire, sbronzo.
Il rapporto tra Calcio e Birra è un rapporto poliedrico, che speriamo possa non avere mai fine. Una bella partita di pallone, accompagnata da due o tre birre, assieme agli amici di sempre o a sconosciuti mai visti, è un’esperienza che può risollevare una giornata no, fungendo da valvola di sfogo momentanea.
E’ d’obbligo sottolineare l’importanza della moderazione, in questo rapporto. Perdersi il gol decisivo perchè si è intenti a gattonare sul tappeto è una cosa che nessun tifoso, seppur “birrofilo”, potrebbe mai perdonarsi.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...