Il Pagellone del Lunedi

Pagellone del Lunedi (10/02/2014)

moscaRomulo, voto 1: pensiamo ai soldi che ha fatto perdere ai nostri lettori che si erano giocati la vittoria della Juventus.

Brunetta, voto 3: non riusciamo a non inserirlo nel Pagellone. La stima è troppa.

Salvini, voto 3: vorremmo vederlo spiegare ad un comasco che quelli del Canton Ticino lo considerano un terrone e che da domani non potrà più andare a lavorare in Svizzera.

Balotelli, voto 4,5: impalpabile in campo, quando si rende conto di come gioca Mexes scoppia in lacrime. Mezzo in più, perché ne comprendiamo lo stato d’animo di “incertezza”. A proposito, auguri Balo.

Mazzarri, voto 5: vince ma non convince. In attesa del “progetto” per ora siamo solo all’apoteosi del non gioco.

Civati, voto 5: preferisce Tsipras ma vota Schulz. Insomma un altro che preferisce le bionde ma sposa le more.

Wolski, voto 6,5: primo gol in A per il giovane viola, ha delle belle prospettive davanti a sè, speriamo che mantenga le promesse.

Inler, voto 7: si riscatta dopo la deludente prestazione della scorsa settimana, bravo a reagire, coraggioso Benitez a mandarlo in campo. La dedica del gol a Carmelo Imbriani è da 10 e lode.

Samuel, voto 7: The Wall è tornato. All’ Inter per ora basta questo.

Messi, voto 7: dopo centotrenta giorni e spicci torna al gol su azione. Quattro tocchi, due gol un assist. Il primo, quello del vantaggio è assurdo per bellezza quanto la pioggia che bagna Siviglia.

Di Natale, voto 7,5: gol ed assist, protagonista nella vittoria contro il Chievo, mette un po’ di tristrezza sapere che a fine stagione appenderà le scarpe al chiodo, ma se continua cosi magari avrà un ripensamento.

Cristaldo, voto 7,5: con la sua doppietta regala al Bologna tre punti importanti per la salvezza e dimostra che il campionato italiano parla sempre più argentino.

Dinamo Sassari 9: la Sardegna ritorna per un giorno terra dei giganti. Così una piccola squadra, di una piccola città, sponsorizzata a malincuore da una piccola banca vince in finale di Coppa Italia contro i marziani senesi. Gli Offlaga Disco Pax li chiamerebbero quelli “della grande banca”. Allora brindiamo a Sacchetti padre e figlio e ai cugini Diener.

Toni 9: si dice che Venezia la dobbiamo alle invasioni di Attila, il campionato vivo lo dobbiamo a questo ragazzino della provincia modenese che tiene vivo il Verona contro i marziani di Conte. Carlos Tevez non sarà ai mondiali e questo è un problema di Sabella. Prandelli non fare lo stesso errore.

Arfio Marchini, voto 9: il suo commento al derby è stato spettacolare.

Eden Hazard, voto 10: il talento belga, in forza ai Blues di Mourinho, incanta Stanford Bridge con una splendida tripletta che schianta il Newcastle e porta il Chelsea primo da solo in classifica. Dimostra che i suoi genitori non gli hanno dato un nome a caso, e prenota un posto nel paradiso del calcio.

Italia calcio a 5, voto 10: CAMPIONI D’EUROPA!

Armin Zoeggeler, voto 10: a quaranta anni vince la sesta medaglia olimpica in sei edizioni olimpiche consecutive, alla faccia della rottamazione.

La Redazione.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...