Il Pagellone del Martedì

moscaPagellone del Martedi (31a giornata)


Assalto ai pullman, voto 0: Poco da dire, poco da commentare, se non il silenzio assordante delle società che giocano in casa e che contro questo fenomeno fanno poco. Anzi niente.

Consiglieri comunali della lega nord, voto 2: il consiglio comunale di Torino revoca la cittadinanza onoraria a Mussolini e loro tirano fuori la bandiera dell’Urss. Confusi.


Mazzarri, voto 2: come i gol rimontati dal Livorno. Forse meno critiche e più autocritica avrebbero fatto bene al tecnico di San Vincenzo.

Segolene Royal, voto 3: dopo il risultato delle amministrative francesi critica Hollande e il PS. Noi vorremmo ricordarle i suoi risultati elettorali, tacere, almeno per decenza, visto che – a quanto pare – entrerà anche nel governo dopo il rimpasto.


Farinetti, voto 3: dichiara “Sud Italia? Facciamone un unico grande Sharm El Sheik” …stiamo pensando ad una nuova rubrica: le opinioni inutili di Oscar Farinetti.


Lo spezzatino della serie A, voto 3: se la tendenza è questa, l’uscita del pagellone coinciderà con l’inizio della giornata successiva.

Brunetta, voto 3: con la stima e l’affetto di sempre.


Chiellini, voto 4: ormai dire che lui sia il difensore italiano migliore ha la stessa valenza di dire che Ruby è la nipote di Mubarak.

Serracchiani, voto 4: la pseudo segretaria del Pd inizia male, dicendo, in sostanza, a Grasso che rispetta il suo ruolo ma deve fare e dire quello che dice il Pd. Democratica davvero.

Ghedini, voto 4: ogni volta che lo vediamo e lo sentiamo proferir parola ci chiediamo  come abbia fatto Berlusconi in tutti questi anni ad evitare ulteriori condanne nonostante Ghedini.

Thohir, voto 5: solo all’Inter poteva capitare un magnate che non tira fuori un euro.

Renzi 5,5 ci sorge un dubbio, ma il #migiocotutto sulle riforme è il nuovo #vadoinafrica?

Osvaldo, voto 5: cicca una rovesciata, poi il vuoto totale. Si lamenta pure quando viene sostituito. Anche i tifosi si sono lamentati, ma per l’assenza dell’Apache

Vasco Brondi, voto 7: nonostante il fatto che l’album dica che non ci sia alternativa al futuro e lui provi a cantare invece di urlare, il Vasco ferrarese ha fatto un altro buon disco ed a differenza del Pd sembra avere anche un programma di governo.


Aurelio De Laurentiis, voto 7: si presenta ai microfoni di Sky – come ha poi scritto su Twitter – solo per salutare la D’Amico dopo la sconfitta della Juve. Si riferiva al presunto flirt tra la conduttrice e Buffon?


Goulham, voto 8: contro la Juve la sua miglior prestazione in maglia azzurra. Le prestazioni del franco-algerino sono direttamente proporzionali all’intensità di bestemmie da parte di De Laurentiis per l’aumento di contratto di Zuniga.


Kaka, voto 8: le sue giocate sono sempre sinonimo di classe e eleganza. Diciamo che non somiglia molto al suo Presidente.

L’amore per la maglia, voto 9: un tifoso al gol di Mertens scatta più veloce dello stesso, abbraccia la Tv, lo bacia con trasporto. Mettendoci anche un po’ di lingua. Se non è vero amore questo…

Pietro Ingrao, voto 10 e lode: un goleador, un fantasista, anche se da Presidente della Camera è stato un grande mastino di difesa. Voleva la luna, anche noi, anche se per il momento ci acconteteremmo del Brasile. Dal comizio in piazza a Milano appena caduto Mussolini allo scranno più alto di Montecitorio, auguri Compagno Ingrao, nostro Presidente della Repubblica, 99 primavere vissute alla grande.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...