Il Pagellone del Lunedì

mosca37ª Giornata.

Dell’Utri, voto 2: il fatto che si dichiari prigioniero politico è di sicuro la barzelletta della settimana. Si ride per non piangere.

Lega Calcio, voto 2: Le prime due squadre del campionato fanno parte dell’opposizione agli attuali vertici della Lega Calcio. Un organismo che va riformato, rinnovato, a partire dal presidente. I capi del calcio italiano chiudono la stagione con un raccolto magrissimo, in termini d’immagine e di risultati sportivi. Una casualità?

AreaDem, voto 2: un nostro redattore ha ricevuto un invito per la presentazione di AreaDem, si legge nell’invito l’area che sostiene Renzi ma fa riferimento a Franceschini e Fassino. Ecco non sentivamo proprio il bisogno di ricordarci della loro esistenza.

Salvini, voto 3: bisogna ammettere che ha avuto coraggio a fare un tour elettorale al,sud. Ma ci vuole una bella faccia di bronzo a lamentarsi se vieni contestato a Napoli. Chi non salta paraculo è!

Difesa della Lazio, voto 3: a fine campionato la concentrazione cala per tutti, ma loro sembrano addirittura più confusi dei giovani turchi. Casi clinici.

Mazzarri, voto 3: non far giocare Zanetti titolare basta già per farsi esonerare. Senza speranza.

Brunetta, voto 3: sempre la solita stima.

Milan, voto 4: altro che Europa League, l’anno prossimo ogni giovedì tutti a Cesano Boscone.

Chiellini, voto 4: sarebbe dovuto andare negli spogliatoi prima del tempo, invece rifila colpi proibiti a chiunque passi dalle sue parti, ma Chiellini può. Nobel per la pace.

Mineo, voto 4: candidato dal Pd non versa la sua quota al partito. Nulla di scandaloso, visto che nemmeno il tesoriere nazionale ha versato la sua quota in Piemonte ma almeno abbia la decenza di non giustificarsi dicendo che non lo fa perché guadagnava di più in Rai. La famosa società civile.

I petrodollari, voto 4: Psg e Manchester City vincono i rispettivi campionati ma di fronte a spese faraoniche, possiamo dire che ci saremmo aspettati di meglio. Contro il calcio moderno.

Malagò, voto 4: Che senso fa presentarsi in casa propria e gli ospiti inneggiano a De Santis, ostentano fasci littori e saluti romani. Settimana orribile per il presidente del Coni, dopo i fatti di Napoli Fiorentina, la triste difesa del capobranco fatta da una parte della curva sud. Lo sport italiano deve cambiare, meno sprechi, maggiore impegno economico per riformare lo sport.

Livorno, voto 5: li aspettiamo di nuovo in A. A pugno chiuso. Come sempre.

Pina Picierno, voto 6: nessuna dichiarazione sugli 80 euro questa settimana, deve averci ascoltato, apprezziamo.

Hamsik, voto 7: il capitano del Napoli torna a segnare per di più su assist di Zapata. Allora possiamo affermare che la iella è andata via.

Carpi, voto 7: di stima nei confronti di un nostro redattore.

Duvan Zapata, voto 7: E’ il nostro Pippo Civati. Quando è inutile vincere regala sempre grandi prestazioni.

Congresso CGIL, voto 7: pongono al Governo questioni di merito su provvedimenti e scelte. Si interrogano in maniera autocritica sul loro ruolo ed il tema della rappresentanza. Discutono, litigano, ma Camusso e Landini segnalano che il piu’grande sindacato italiano e’ancora vivo. E di questi tempi e’una buona notizia.
Ps:poi sui livelli territoriali della CGIL siamo d’accordo con voi, sono quasi peggio di quelli del PD.

Kovacic, voto 8: pennella due assist manco fosse Giotto. La sua miglior prestazione.

Keynes, voto 8: purtroppo in Italia sono in pochi a ricordarlo e purtroppo pochi giorni fa l’ha fatto Grillo definendo “quel frocetto di Keynes”. Il più grande economista del novecento meriterebbe innanzitutto rispetto ma soprattutto il suo lavoro andrebbe riscoperto e valorizzato.

La liga, voto 8: “Dame el tempo” era la frase che Nereo Rocco rivolgeva, in dialetto triestino, al suo vice. Dammi il tempo, quanto manca, è quasi finita, no. No la Liga non è finita e a deciderlo sono stati i tanti errori degli attacchi di Atletico e Barcellona nel pomeriggio di calcio iberico. A dire di no anche i portieri del piccolo Elche e del decaduto Malaga. “Dame el tempo” “Mancano 90 minuti”. Domenica al Camp Nou sarà la finale di campionato; nel girone all’italiana non è prevista, ma si sa, gli spagnoli sono fatti così.

Immobile, voto 8: altra partita ed altro gol, se Prandelli non lo porta in Brasile chiamiamo la neuro.

Atletico Madrid, voto 8: l’unica squadra in Europa ad essere in corsa sia per la Champions che per il campionato. Sognare adesso è lecito.

Sassuolo, voto 8: Si regala un altro anno in A. Nonostante il suo rinforzo nel mercato di riparazione sia stato Paolo Cannavaro. Miracolo sportivo.

Brienza, voto 8: chi di voi, vedendo atalanta-milan, non ha esclamato “minchia che gol!!!”? Spettacolare.

Conchista Wurst, voto 9: la barbuta drag-queen austriaca vince a mani basse l’eurovision. Questa è l’europa che vorremmo vedere anche il 25 maggio. Speriamo solo che la donna barbuta non diventi una moda.

Di Natale, voto 9: ieri ci ha regalato forse la sua ultima perla. I gol di Totò Di Natale sembrano sempre un pò quelli di Holly e Benji: fantastici e impossibili.

Zanetti, voto 10: voto alla carriera, c’è poco da dire, possiamo sperare solo nella clonazione.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...