La giornata tipo del giovane turco.

Ore 8.00: Il giovane turco si sveglia e, si sa, come tutti i giovani è choosy e non lavora.

Ore 8:01: Accende la tv e vede che ad Agorà c’è Valentina Paris. L’ascolta attentamente, con trepidazione, e alla fine esclama ad alta voce: “Non ha nominato gli 80 euro, anche per oggi siamo salvi!”. La madre lo guarda perplessa.

Ore 8.30: Il giovane turco esce di casa. Naturalmente ha indossato la maglia di Togliatti che mangia il gelato, ormai è da mesi che non la toglie. Prende con sé l’unica cosa che nella sua borsa non può mai mancare: Il Manuale. Una voce nella sua testa continua a ripetergli che, comunque, Renzi è meglio di Monti.

Ore 8.40: Il giovane turco fa la prima tappa nel percorso casa-università: l’edicola. Compra una delle due copie del Foglio che arrivano ogni mattina. Una è riservata per lui, ma solo per leggere Cundari, al massimo poi legge quello che scrive Cerasa. L’altra copia la prende di solito un parente di Giuliano Ferrara.

Ore 8.50: È l’ora della seconda tappa, la colazione al bar: è arrivato il momento del primo retweet ad Orfini. Poi ripete a sé stesso che Renzi è comunque meglio di Monti e Letta, la voce avrà sicuramente ragione.

Ore 9.20: Raggiunge la biblioteca universitaria, ma prima di aprire il libro legge l’articolo di 50mila battute che Cundari ha scritto sul Foglio. Appena finito, cerca disperamente l’editoriale di Massimo Adinolfi su Il Mattino per avere una panoramica filosofico-intellettuale sul mondo contemporaneo. Dopo, ancora non sazio, legge un capitolo a caso del Manuale del Giovane Turco.

Ora 10.20: Inizia a studiare in falcoltà, naturalmente è iscritto a Scienze Politiche. Ma prima posta su Facebook: “Possiamo anche criticarlo ma Renzi è comunque meglio di Letta, Monti e Berlusconi”.

Ore 11.30: Una notifica interrompe il suo studio, Cundari ha appena pubblicato una battuta ironica su Twitter. Ride da solo in aula, nel silenzio surreale degli altri studenti. Sono queste cose che lo fanno sentire un’avanguardia politico culturale del paese. Anche gli altri, prima o poi, capiranno.

Ore 12.30: Pranzo. Il solito kebab per lui, ma senza cipolle, nel caso dovesse incontrare Maria Elena Boschi. Che si sa, appena dopo Togliatti, è il sogno di ogni giovane turco.

Ore 13.00: Caffè turco post kebab, nel mentre prova a spiegare al suo compagno di corso perchè Renzi è meglio di Monti, Letta, Berlusconi e Prodi. Alla fine lo convince con la sua arma segreta: “Altrimenti c’è Civati”.

Ore 14.00: La Gribaudo posta su Twitter una foto con la figlia e la nipote di Berlinguer, asserendo che le preferisce a Barbara D’Urso. Il giovane turco vive il primo conflitto interiore della giornata: odia Barbara D’Urso ma pensa che Renzi abbia fatto bene ad andare a DomenicaCinque, perché comunque – incalza la voce – Renzi è meglio di Monti, Letta, Berlusconi e Prodi. Si consola scrivendo alla Gribaudo che comunque Togliatti era meglio di Berlinguer.

Ore 15.00: È l’ora del retweet a Giuditta Pini che insulta un grillino a caso.

Ore 16.00: Lo chiama il segretario di circolo del Pd: gli ricorda che stasera c’è la riunione sul futuro del partito dopo il taglio al finanziamento pubblico. Lui è un po’ dispiaciuto, non potrà ascoltare Verducci in tv.

Ore 16.20: Legge uno dei 629 post giornalieri della Geloni contro Matteo Renzi. Per un attimo pensa che la Geloni abbia, seppur parzialmente, ragione. Poi si ricorda chi è la Geloni e al grido “lo smacchiamo” ricaccia il suo antico istinto antirenziano nel profondo del suo inconscio. La “voce” sorride soddisfatta. Il giovane turco per pentirsi di ciò che ha pensato rilegge in fretta un post a caso di Cundari per ricordarsi, come sempre, che comunque Renzi è meglio di Monti, Letta, Berlusconi, Prodi e Bersani.

Ore 16.30: Basta studio, va a fare compere, e la sua scelta cade su una “sciarpa a calzini”. Per la scelta del modello ha portato dietro una foto di Orfini che la indossava. A quel punto non gli resta che farsi un selfie da mandare alla sua fidanzata.

Ore 17.00: La fidanzata lo molla e lui è triste, ma pensa che essere lasciati così sia una cosa da sfigati e quindi almeno può sentirsi un po’ fieramente di sinistra. E comunque Renzi è meglio di Letta, Monti, Berlusconi, Prodi, Bersani e Veltroni. Non può dare torto alla voce.

Ora 17.30: Tornato a casa fa un po’ di zapping, si blocca quando sente il nome Mazzocchi in tv, ma rimane subito deluso, si tratta di Marco e non di Ronny.

Ore 17.45: Il giocane turco, che si sente di sinistra e che era turco perché voleva far cadere Monti, guarda su facebook con invidia i post entusiasti dei suoi amici giovani turchi post dalemiani, che adesso sono felici perché possono finalmente tornare a dire cose di destra senza sentirsi dare dei montiani. Il giovane turco ha un forte mal di testa.

Ore 18.00: Continua a leggere facebook. Vede un post di Fassina, lo legge imitandone la voce. Poi si ritiene fortunato per il fatto che Fassina ha lasciato Rifare l’Italia e quindi non deve più emularlo.

Ore 18.15: Chiama lo psicanalista, dov’è in cura, cerca di convincerlo, che non soffre di bipolarismo ma è oggettivo che Renzi sia migliore di Letta, Monti, Berlusconi, Prodi, Bersani e D’Alema: è la voce che glielo dice.

Ore 18.30: Pensa alle cose di sinistra da dire che Renzi ancora non ha trasformato in cose di destra: la tutela del procione, i diritti degli indios, la cura per punteruolo rosso. E ripete a sé stesso che Renzi è meglio di Letta, Monti, Berlusconi, Prodi, Bersani e D’Alema.

Ore 18.45: Ha un’illuminazione. Ascolta il Papa e pensa abbia ragione su tutto. Si entusiasma ad immaginare una maglietta con Francesco che mangia il gelato leggendo un articolo di Cundari sul Foglio. E poi in fondo l’articolo 7 della Costituzione fu frutto di una mediazione di Togliatti. Si convince che domani andrà all’oratorio: in fondo se ha creduto a D’Alema perchè non potrebbe sforzarsi almeno di far finta di credere in Dio?

Ore 19.00: Novità sul Jobs Act, lui smadonna contro gli esponenti di Rifare l’Italia che danno ragione a Renzi, poi si convince che Renzi ha ragione, in fondo credeva in D’Alema, poi ci ripensa su e capisce che non può convincersi che Renzi abbia ragione, ma in ogni caso dà torto a Cuperlo. Alla fine conclude che Renzi ha parzialmente ragione, ma ha mal di testa e va a rileggersi un capitolo a caso del Manuale.

Ore 19.45: Ascolta sulla Radio di Left Wing (la cui app ha rigorosamente scaricato su cellulare) che Gennaro Migliore è entusiasta di essersi iscritto al Pd. Smadonna di nuovo. Poi ascolta che Migliore guarda con attenzione all’esperienza di Rifare l’italia. Smadonna una terza volta. E rinuncia quindi anche all’opzione dell’oratorio, per questioni di incompatibilità ambientale.

Ore 20.00: Scrive alla Pini, chiedendole spiegazioni sul perché Nicodemo la ritwitta.

Ore 21.00: Si reca alla riunione di circolo. Per i renziani è un gufo, per i civatiani un riciclato, per i bersaniani un renziano della sesta ora.

Ore 23.05: Appena tornato a casa guarda Lineanotte, la replica di Omnibus, la sintesi su Youtube di Ballarò e un vecchio filmato di Togliatti a caso. Si allena una mezz’oretta a scrivere tweet simpatici, pungenti e polemici, ma proprio non riesce a stare sotto i 1400 caratteri. Ci rinuncia, e così scrive un pippone da 67mila battute sul rapporto tra il neoliberismo, il gelato di Togliattii, le scuse di Mazzarri e la psicanalisi. Lo pubblica sul suo blog, che ovviamente non legge nessuno, e confida entusiasticamente in un retweet di Cundari.

Ore 23.30: Va a dormire pensando che domani sarà un bel giorno: arriva il nuovo numero di Left Wing.

Ore 00.00: Sogna di essere virile ed attraente come il compagno Ministro Orlando.

Advertisements

3 thoughts on “La giornata tipo del giovane turco.

  1. Pingback: La giornata tipo del civatiano

  2. Pingback: La giornata tipo del civatiano | transiberiani

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...