… E il denaro uccise l’Idea

di Daniel Degli Esposti

Johan Cruijff, l’Ajax e il Barcellona: le glorie e i tradimenti del simbolo del calcio moderno

Le rivoluzioni nascono negli angoli più impensabili del genio umano: sfruttano i silenzi e cavalcano i bisogni, si nutrono di eresie e si riempiono di vuoti, affondano negli abissi del probabile e si alzano in volo verso l’impossibile. Il calcio le accarezza, le esalta, le ama: la natura del pallone esclude la quiete e vive per il moto continuo delle anime ribelli. Continua a leggere

Annunci

Onore all’Atlético, equipo total

Atletico Madrid vs Barcelona

 

di Daniel Degli Esposti.
Nessuna forma d’arte umana divide l’anima come il calcio: le grandi squadre disegnano
melodie, intarsiano emozioni, si impadroniscono dei cinque sensi e catturano il sesto. Quando il tifo contagia una vita, il tempo scandisce il ritmo di una cultura: si nutre di gioie, ingoia dolori, respira l’atmosfera che avvolge gli stadi, sospira passione. 17 maggio 2014: più di 99.000 cuori pulsano impazziti sugli spalti del Camp Nou; tanti altri si scaldano davanti a migliaia di schermi. Il mio corre dietro alle immagini sincopate del web e insegue il sogno dell’ultimo grande ballo blaugrana. Continua a leggere

Ganar. “Vamos a hacer que la afición siga soñando”.

 

atletico

di Steno.

“Volver ganar” campeggiava in ogni settore e gradinata del Vicente Calderon, nella serata di ieri. Un catino bianco rosso che ha decretato il derby dell’antimadridismo nella sua manifestazione più alta. Si parlerà tanto di questa partita, che forse chiude un ciclo di incantesimi e magie sulla sponda catalana. Ma oggi come ieri sono gli immigrati a far sognare l’altra parte di Madrid. Erano baschi ai tempi pionieristici della fondazione del club, sono sudamericani oggi, in un momento in cui con i baschi i rapporti sono stati recisi. Il Cholo Simeone è il condottiero, un Don Chisciotte argentino acclamato, osannato dal suo pubblico. Direttore d’orchestra a dieci anni nella banda della scuola, capitano in tutte le selezioni argentine in cui ha giocato, costruttore di sogni, come quando segnò il gol della remuntada laziale del 2000. Continua a leggere