Occhi e orecchie su San Siro

di Marco Gaggiano

“Il calcio costituisce oggi con la musica leggera il solo sfogo dinamico e culturale d’una popolazione nelle cui vene è ormai dubbio che perdurino molti globuli ereditati dai santi e dagli eroi, dai navigatori e dai martiri ai quali si rifà graziosamente la storia imparata a scuola.” (Gianni Brera) Continua a leggere

Annunci

#volevoilpallone – Intervista a Tommaso Labate

Alti o bassi, belli o brutti: tifano tutti. Perché la fede calcistica è una cosa molto seria, più della finale di X-Factor. Perché la tua squadra del cuore può anche farti star male, ma alla fine il pallone vince sempre sull’invidia e sull’odio. Perché, per dirla alla Winston Churchill: “Gli italiani perdono le guerre come se fossero partite di calcio e le partite di calcio come se fossero guerre”.

A poche ore dal derby della Madonnina, ospitiamo per #Volevoilpallone, le interviste di #Volevoilrigore: Tommaso Labate, 34enne giornalista del Corriere della Sera e tifoso dell’Inter. Continua a leggere

L’onorevole nel Pallone – Intervista a Matteo Orfini

Oggi inauguriamo una nuova rubrica: “L’onorevole nel Pallone”.

Quando la palla rotola sul prato verde, lo schieramento politico non conta. Quando l’arbitro fischia l’inizio della partita, destra e sinistra sono solo le due fasce di gioco. Quando la tua squadra del cuore gioca un match importante non c’è Patto del Nazareno che tenga.

Il nostro primo ospite è Matteo Orfini, presidente del Pd, nell’occhio del ciclone mediatico per aver scritto su Twitter “Ho portato l’Avellino in Europa League. Però ora qualcuno mi tolga Championship manager dal cellulare #dipendenze”. Continua a leggere

Generatore di scuse di Mazzarri

mazzarri


<!–
Words1 = new Array("Abbiamo perso","Abbiamo pareggiato","Non abbiamo vinto","Abbiamo giocato male");
Words2 = new Array("per colpa di Kovacic","per colpa di Brunetta","per colpa di Icardi", "per colpa di Palacio", "per colpa dell'arbitro", "per colpa del racchettapalle", "per colpa della Camusso", "per colpa di Guarin", "per colpa di Medel", "per colpa di Ranocchia", "per colpa della Merkel" );
Words3 = new Array("che ci impone l'austerità","che ha dormito con Wanda Nara", "che ha dimenticato di truccarsi", "che ha dormito da solo stanotte", "che aveva il gomito del tennista", "che sta diventando cieco", "che ha bevuto troppa birra con Monti", "che ha passato la serata con Salvini", "che ha il ginocchio della lavandaia", "che ha confuso l'essere con l'avere", "che ha confuso il piacere con l'amore");

document.write(
'

“‘+
Words1[Math.floor((Math.random() * 100000) % Words1.length)] +
‘ ‘ +
Words2[Math.floor((Math.random() * 100000) % Words2.length)] +
‘ ‘ +
Words3[Math.floor((Math.random() * 100000) % Words3.length)] +
‘” (Walter Mazzarri).

n’ );
–>

Fai refresh per avere un’altra scusa.

L’Amore non basta.

moratti-champions-670x325

Ormai tutto pare pronto per l’addio tra Massimo Moratti e l’Inter.
Manca solo la firma per il passaggio della maggioranza delle azioni dell’Inter al magnate indonesiano Erick Thohir.
Moratti è stato per 18 anni un protagonista del calcio nostrano, famoso per l’attaccamento alla squadra, il rapporto con i giocatori (Zanetti è praticamente un figlio) e per i soldi spesi (investiti sa di calcio moderno) per Inter.
Sarà davvero difficile poter immaginare l’Inter senza il suo Presidente e chi vi scrive non ha mai visto l’Inter senza Moratti.

Continua a leggere