Il Pagellone (1a Giornata)

Paolo Del Debbio, voto 1: la sua trasmissione su Rete 4 ormai è il punto di riferimento di tutti i razzisti italiani. Roba che al confronto, i “buuu” rivolti ai giocatori di colore diventano sfottò simpatici.

I tg, voto 1: L’estate è un brutto periodo per l’informazione italiana, le notizie variano dal non uscire nelle ore più calde alla dieta dei pesci rossi passando per i nomi dei neonati più gettonati nel 2015. Più scontati della vittoria del Milan al “trofeo Tim”.

La borsa cinese, voto 2: segna più perdite dell’Inter di Moratti. É arrivata come un temporale il 15 agosto a turbare i sonni non tanto tranquilli degli europei.

Gennaro Migliore, voto 2: Critica Marino perchè ancora in ferie negli Usa e immaginandosi sindaco di Roma ci dice cosa avrebbe fatto. Poveri romani, gli tocca pure Genny come sindaco immaginario.
Ps. voto 10 da parte della redazione di Napoli, ovviamente. Scampato pericolo.

Pannella-Bonino, voto 3: questa estate é stata anche povera di gossip, tanto da doverci accontentare del divorzio tra Pannella e la Bonino, una specie di acquisto a parametro zero alla Galliani.

Brunetta, voto 3: una canzone neomelodica partenopea recita così “senza ‘e te nun pozz sta pecchè tu m’appartien” (senza di te non posso stare, perché tu mi appartieni). Anche quest’anno, con stima immutata, sarai con noi Renatino. Continua a leggere

Annunci

Il Pagellone (9a Giornata)

mosca

Questo “Pagellone” lo dedichiamo idealmente agli operai della AST di Terni, manganellati per un malinteso senso del progresso, per un equivoco, per un disguido tecnico. Nel paese dei sassi che deviano i proiettili, della Diaz e di Bolzaneto, di Carlo, di Gabriele, di Stefano, di Federico, nel paese dove non c’è il numero identificativo sui caschi, dove non c’è il reato di tortura, dove nessuno ha mai colpa, impartire l’ordine di caricare lavoratori che manifestano pacificamente può essere tranquillamente definito “errore di comunicazione”. Senza nessuno che senta il bisogno di chiedere scusa, nessuno che paghi mai.
Qualcuno, sia esso il ministro, o il prefetto, o il questore, o il funzionario che comandava il reparto, non sta certo a noi stabilirlo, ha impartito quell’ordine. Quel qualcuno – vogliamo essere anche noi, per una volta, moderni – deve essere immediatamente rimosso, licenziato. Questa sarebbe l’unica scusa che ci sentiremmo di accettare.

Grillo, voto 0: voto basso, ma si sa, caro Beppe, le pagelle di una volta avevano una morale. #lamafiaèunamontagnadimerda.

Picierno voto 1: cara Pina volevamo darti un voto basso, ma non lo faremo.

Parma, voto 1: come l’unica vittoria in campionato. I tifosi ormai sono disposti a festeggiare anche per un misero pareggio.

Delrio, voto 2: dichiara che il governo non dirà mai di alzare i manganelli sui lavoratori, excusatio non petita…

Tavecchio, voto 3: minaccia le dimissioni dopo il taglio dei contributi da parte del CONI. Malagò ha chiamato Lotito per avere spiegazioni.

Brunetta, voto 3: stima, stima infinita per Renatino. Sempre.

Europa, voto 3: chiude. E quando chiude un giornale non è mai un fatto positivo. Siamo solidali con i lavoratori. Noi però non siamo buonisti e pensiamo che questa chiusura verrà ricordata come l’addio al calcio del fratello di Zarate.

Callejon, voto 4: un’équipe di fisici sta studiando come sia stato possibile buttare il pallone sopra la traversa quando era ad un millimetro dalla linea di porta.

Torres, voto 4: è sempre più evidente lo spettro di un nuovo Huntelaar.

Higuain, voto 5: “Nino non aver paura di tirare un calcio di rigore” così cantava De Gregori, non la curva del Napoli.

Richetti, voto 5: critica di nuovo Renzi, la Camusso e la Picierno. Ci piacciono questi personaggi in cerca d’autore che fanno autocritica.

El Sharaawy, voto 5: la giovane promessa milanista è ancora fermo al palo. Il Faraone quest’anno ci sembra un po’ la Boschi. Giovane, accattivante ma anonima.

Civati, voto 6: vota di nuovo contro una proposta del partito, oramai è la normalità, Pippo quando esci chiudi la porta.

Minoranza Pd, voto 6: di fiducia. Come quelle che vota, non vota, forse vota, alla fine vota. Il congresso è finito. Ed ora la sinistra storica del Pd deve scegliere: incidere nei processi o fare speculazione politica. Da chi ci ha insegnato che prima di tutto viene il bene del paese ci attendiamo che la scelta sia scontata.

Matteo Renzi, voto 6: di fiducia. Come quelle alle quali ci si sta aggrappando di questi tempi. Ciò che gli ha permesso in questi anni di vincere (la personalizzazione, gli attacchi ad personam, la semplificazione del dibattito, l’invettiva sarcastica e cruenta) rischia oggi di essere il terreno dello scontro che lo vedrà soccombere. Ha ragione nel chiedere di abbassare i toni e di entrare nel merito delle questioni, ma queste parole, dette da lui, rischiano di essere poco credibili. Gli diamo un consiglio: cominci a dare il buon esempio. PS: Se poi impedisse anche alla Picierno di andare in tv…

Enrico Rossi, voto 7: i suoi post su facebook e la sua azione amministrativa spesso sono una boccata d’ossigeno. Mai sopra le righe, schietto, coerente nei principi ma concreto nella pratica, il Presidente della Regione Toscana ci ricorda Zaccheroni e Ancelotti. Speriamo che prima o poi anche lui possa arrivare ad allenare in competizioni importanti. Non che amministrare la Toscana non lo sia.

Berardi, voto 7: finalmente si sblocca, il suo estro serve come il pane al Sassuolo. E anche all’Italia di Conte.

Kovacic, voto 7: come al solito gran bella partita. Il croato però è insofferente. Passi per Marek, ma ormai Mazzari lo chiama Hamsik.

Camusso, voto 7: dichiara di non volere le dimissioni di Alfano. È proprio vero, il sindacato lavora per il logoramento del Governo Renzi.

Denis, voto 7: torna al gol e sempre contro il Napoli. Escludiamo vacanze campane per i prossimi decenni per El Tanque.

Lazio, voto 7: con Lotito distratto a fare il Presidente della FIGC e un Klose lontano parente del bomber dei Mondiali, la squadra di Pioli pian pianino raggiunge il terzo posto.

Fruente Amplio, voto 8: in Uruguay il partito di centrosinistra con Vasquez Tabarè va al ballottaggio contro il Partido Nacional (o Blanco) di centrodestra con Luis Lacalle Pou. Si avete letto bene, il partito di centrodestra si chiama Nazionale (o Bianco). Quando a volte dici le coincidenze!

Maurizio Landini, voto 8: sta dove deve stare. In mezzo agli operai, e se necessario prende le botte assieme a loro. Rilascia dichiarazioni al vetriolo contro il governo, ma il mattino dopo è al tavolo delle trattative con Matteo Renzi a chiedere la tutela del livello occupazionale e produttivo dell’Ast. Precisa che non ha mai chiesto le dimissioni di Alfano, si defila dal gioco della strumentalizzazione politica e fa il suo mestiere: Il sindacalista.

Rudi Garcia, voto 8: meno male che Rocchi ha reso il campionato incerto, altrimenti staremo commentando una Roma in fuga.

Babacar, voto 8: il senegalese gioca bene e segna una doppietta. Se continua così, la Merkel chiederà la sua maglia restituendo quella di Mario Gomez.

Lula, voto 9: due settimane di campagna elettorale intensa e Dilma resta Presidente. Fortuna che in Brasile non è arrivata la rottamazione.

Marotta, voto 9: dichiara “Rinnovo Buffon? Nessun problema, basterà uno sguardo” Non servono ulteriori commenti.

Evo Morales, voto 9: rieletto per la terza volta Presidente della Bolivia, mercoledì era all’Olimpico a vedere la Roma. Di sinistra e gli piace il calcio, come fare a non volergli bene?

Antonini, voto 10: l’angelo del fango genoano riapre il campionato. Juventini state Allegri.

Eduardo De Filippo, voto 10 e lode: a trent’anni dalla scomparsa questa redazione vuole ricordare il grande Maestro De Filippo.
Caro Eduardo a noi non piace il calcio e la politica moderni, ma certamente ci piace il presepe.

 

Il Pagellone del Lunedì

mosca37ª Giornata.

Dell’Utri, voto 2: il fatto che si dichiari prigioniero politico è di sicuro la barzelletta della settimana. Si ride per non piangere.

Lega Calcio, voto 2: Le prime due squadre del campionato fanno parte dell’opposizione agli attuali vertici della Lega Calcio. Un organismo che va riformato, rinnovato, a partire dal presidente. I capi del calcio italiano chiudono la stagione con un raccolto magrissimo, in termini d’immagine e di risultati sportivi. Una casualità?

AreaDem, voto 2: un nostro redattore ha ricevuto un invito per la presentazione di AreaDem, si legge nell’invito l’area che sostiene Renzi ma fa riferimento a Franceschini e Fassino. Ecco non sentivamo proprio il bisogno di ricordarci della loro esistenza.

Salvini, voto 3: bisogna ammettere che ha avuto coraggio a fare un tour elettorale al,sud. Ma ci vuole una bella faccia di bronzo a lamentarsi se vieni contestato a Napoli. Chi non salta paraculo è! Continua a leggere

Il Pagellone del Mercoledì

 

mosca

 

36ª Giornata.

 

Alfano, voto 2: Alfano chi? direbbe Renzi. Succede di tutto a Roma ma al ministro dell’Interno non sembra importare molto. Angelino l’invisibile.

Coni e Lega Calcio, voto 2: cosa si prova ad accettare in casa propria regole imposte da altri?

Bonafè, voto 2: dice a Ballarò che Renzi è in discontinuità con Berlusconi perché porterà a casa la rivoluzione liberale. Crediamo che la Bonafè abbia sbagliato squadra.

Mazzarri, voto 3: perdere un derby dopo tre anni potrebbe essere normale, ma fare zero tiri in porta in novanta minuti no. Inutile come Brunetta, stessa stima e stesso voto.

Brunetta, voto 3: sempre la solita stima per Renatino nostro.
Continua a leggere